Category Archives: Eventi

Save the date: 1 DICEMBRE – SEMINARIO DI YOGA ORMONALE

SEMINARIO DI YOGA ORMONALE
DOMENICA 1 DICEMBRE

dalle ore 10.00 alle 17.00

 

Che cos’è lo yoga ormonale

Yoga Ormonale è una tecnica ideata da Dinah Rodrigues per il benessere della donna.

Attraverso una combinazione di Asana, esercizi di respirazione (Pranayama), esercizi energetici, rilassamento e visualizzazioni verranno stimolate le ghiandole responsabili della corretta produzione ormonale con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita.

Ovaie, tiroide, ipofisi e ghiandole surrenali saranno il focus di tutta la pratica.

Studi clinici condotti in Brasile hanno rilevato che l’esecuzione della pratica 3 o 4 volte alla settimana permette di riequilibrare i livelli ormonali in 2, 4 mesi o in tempi inferiori se si tratta di disturbi di lieve entità.

Lo yoga ormonale è rivolto a tutte le donne, giovani e meno giovani, che soffrono di dolori mestruali e ciclo irregolare, squilibri alla tiroide, infertilità, cisti ovariche.

E’ perfetta inoltre per ritrovare l’equilibrio durante la menopausa, in pre–menopausa e nella menopausa precoce.

Un normale apporto di ormoni contribuisce ad armonizzare la femminilità andando ad agire direttamente su pelle, capelli e regolando l’umore.

 

Il programma del seminario

Durante il seminario verranno presentate le tecniche di base per la corretta esecuzione della sequenza che verrà eseguita insieme passo passo e che, una volta appresa, potrà essere completata in 35 minuti.

La sequenza può essere eseguita da tutti e non è necessaria nessuna esperienza precedente in ambito Yoga. Verranno infatti forniti gli strumenti (dispense) per consentirne l’esecuzione in autonomia a casa.

  • dalle ore 10 alle 13 – Presentazione del metodo e studio applicato degli esercizi step by step;
  • dalle ore 13 alle 14 – Pausa pranzo;
  • dalle 14 alle 17 – Esecuzione della sequenza completa e bonus tecniche di rilassamento.

Il costo del seminario è di 80 euro per persona, è richiesto un anticipo di 50 euro al momento della prenotazione.

Dinah Rodrigues è Yoga terapeuta, si è laureata in filosofia e psicologia all’Università di S.Paolo in Brasile. È membro della I.Y.T.A. e membro onorario del consiglio mondiale di yoga terapia del I.F.Y. in India.

Alice Murgia è insegnate certificata di Vinyasa Yoga e insegnante di HYT (Hormone Yoga Therapy) come diretta allieva di Dinah Rodriguez, che insegna anche presso l’Associazione Cambiapiano. E’ diplomata presso Hari Om.

Info e prenotazioni: info@cambiapiano.com

Articoli dedicati all’argomento:

 

  • https://www.marieclaire.com/it/benessere/wellness-fitness/a23854114/yoga-ormonale/
  • https://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/yoga-ormonale-cose-e-come-funzione-lo-yoga-delleterna-giovinezza
  • https://www.vanityfair.it/benessere/fitness/2019/07/12/lo-yoga-ormonale-per-aumentare-il-desiderio
  • http://www.yogajournal.it/carla-nataloni-lo-yoga-ormonale-dedicato-alle-donne/

Martedì 21 e 28 gennaio Baby massaggio a Cambiapiano

 

MARTEDI’ 21 GENNAIO28 GENNAIO

dalle 12 alle 13.30

2 incontri sul BABY MASSAGGIO

Due appuntamenti importantissimi ai quali assolutamente non mancare!

 

Possono partecipare agli incontri tutte le neo mamme e i neo papà, anche non iscritti al corso!!!

Cos’è il Baby massaggio bioenergetico dolce di Eva Reich?

Una madre toccata dolcemente tocca il suo bambino dolcemente.

Il massaggio rinforza la relazione con la madre, è il contatto energetico attraverso il quale il neonato si nutre affettivamente dopo la nascita. Le terminazioni nervose della pelle portano le stimolazioni al cervello, che elabora le sensazioni in percezioni, emozioni, sentimenti. Attraverso le esperienze della pelle, il bambino impara risposte  psicomotorie ed emozionali che sono la base per la formazione della sua personalità.

I neonati si emozionano come noi, e le emozioni sono alla base della loro salute ,  sono movimenti della  bio-energia nel corpo. Massaggiando con tocco leggerissimo la pelle del bambino , si stimola l’energia bio-emozionale , la si fa fluire e gli si procurano quelle sensazioni piacevoli , che sono alla base del benessere. La scoperta più importante di W.Reich  è che quando siamo felici l’energia si espande verso il mondo, quando abbiamo paura l’energia si ritira dentro di noi. Quando la paura permane, il flusso di energia si blocca e si bloccano i nostri sentimenti positivi.

Obiettivi del massaggio sono quindi:

 

  • Promuovere un forte attaccamento  tra madre e bambino e  cioè la salute e la capacità di amare
  • Prevenire i disturbi psico-somatici
  • Curare i traumi della nascita od altri traumi

Il bambino massaggiato è

  • Più tollerante allo stress e ha migliore gestione dell’ansia
  • Più capace di stabilire rapporti, di amare e di suscitare amore negli altri
  • Ha un migliore sviluppo delle vie nervose e un sistema immunitario più forte
  • Più vigile

 Gli effetti misurabili a livello fisiologico sul neonato sono:

 

  • Aumento del peso
  • Ritmo del sonno
  • Sistema respiratorio
  • Sistema digestivo
  • Sistema circolatorio

Eva Reich

Eva Reich è figlia di W.Reich, scienziato e psicanalista, che ha sviluppato un approccio bioenergetico alla psicoterapia , oggi alla base di tutte le psicoterapie corporee. Eva Reich ha assistito ai lavori del padre  ed era particolarmente interessata ai neonati e alle loro madri. Ha lavorato come medico nel reparto pediatrico dell’Harlem Hospital di New York con il metodo della Bioenergetica Dolce da lei inventato. Già trent’anni prima del boom della moderna ricerca neonatale, (è nata nel 1924 ) E.Reich aveva sviluppato strumenti terapeutici per accompagnare i bambini traumatizzati nel periodo pre-peri-post natale, trattando e insegnando temi di grande attualità  come per esempio il bisogno biologico del “ contatto bioenergetico “ pelle contro pelle nel neonato, del contatto oculare, l’importanza di non separare madre e bambino al momento della nascita, l’importanza della prevenzione prima e dopo la nascita.

info: info@cambiapiano.com

Al via la settimana di prova gratuita e sconti per i soci

Finalmente si riparte!

Per inaugurare la stagione dei corsi 2019/2020 iniziamo come sempre con una SETTIMANA DI PROVA GRATUITA.

 

Dal 9 al 14 settembre, per tutti quelli che vorranno conoscerci o non si sono mai iscritti ad un nostro corso, apriamo le danze con una settimana di prova gratuita valida per tutte le nostre lezioni.

Per chi invece ci conosce già, per tutta la settimana le lezioni singole saranno al costo di 10 € (anziché 15).

Spargete la voce!

 

Verifica il calendario e prenota la tua lezione di prova gratuita a info@cambiapiano.com.

Prendersi cura di sé. Condividiamo percorsi per nutrire Corpo e Spirito

7 incontri teorico-pratici

Proseguiamo il ciclo di incontri iniziati l’anno scorso (http://www.nanay.it/cura-di-se-al-ritmo-delle-stagioni-inizio-corsi-11-novembre-presentazione-5-novembre), sempre grazie alla collaborazione e alla sinergia tra Cambiapiano, Nanay e Zazie nel Metrò.

 

Quest’anno iniziamo in primavera con una serie di incontri dedicati ad Alimentazione sana e consapevole, Autoproduzione alimentare, Erboristeria e Cosmesi naturale, Ascolto di sé e Autocura. A giugno è prevista una giornata di laboratori, escursioni e condivisioni in Sabina

In seguito i programmi nel dettaglio. 

Crediamo fermamente nell’importanza di ri-connetterci con noi stesse per re-imparare prima di tutto ad ascoltarci, a capire i nostri bisogni e a conoscere il nostro corpo. Siamo convinte che, di conseguenza, è necessario essere coinvolte in prima persona nella cura di noi stesse, intesa come mantenimento in armonia del nostro sistema Mente-Corpo-Anima. Fanno parte di questo processo imparare a preparare, scegliere, conoscere il cibo di cui ci nutriamo, i rimedi 

e i prodotti che usiamo per l’igiene e la bellezza e l’ascolto e cura del nostro corpo. Tutto questo per raggiungere, oltre che l’equilibrio e la soddisfazione che non può che derivare dalla nostra autonomia e 

consapevolezza, anche la sostenibilità (ambientale, economica, sociale) delle scelte che facciamo nel quotidiano. Siamo interconnesse con tutto ciò che ci circonda.

 

Scopriamo attraverso la guida 

delle operatrici Nanay-Cambiapiano, che condivideranno le loro conoscenze e competenze 

nei loro laboratori e seminari, quante cose possiamo fare per nutrire 

 

mente e corpo riducendo i rifiuti e i consumi, ritirando la “delega” che in questi anni abbiamo dovuto dare a qualsivoglia esperto o prodotto commerciale per la cura di noi stesse e che ci ha rese tutte e tutti più fragili e dipendenti dal mercato.

Gli incontri si svolgeranno presso Zazie nel Metrò (via E. Giovenale 16) e l’Associazione Cambiapiano (via R. Da Forlì 38), Roma, Pigneto.

 

Costi: variabili tra i 7 e i 15 euro. Previsti inoltre sconti e riduzioni per chi partecipa a più di un incontro e per studenti e disoccupati. 

Per informazioni e iscrizioni:

spazionanay@gmail.com

info@cambiapiano.com

In arte Goldie – Duetto per voci e pianoforte

Domenica 18 Novembre ore 18.30

IN ARTE GOLDIE

Duetto per Voci e Pianoforte

tratto da “Memorie di una maîtresse americana” di Nell Kimball

edito da Adelphi

 

Voce recitante: Laura Riccioli

Pianoforte e Canto: Valentina Cardinali

Selezione e adattamento del testo Laura Riccioli

Musiche scelte, arrangiate e eseguite da Valentina Cardinali:

George L. Cobb, W. A. Mozart, John Newton, W. C. Handy, Tori Amos, Stephen Foster, Oscar Peterson, Willard Robinson, Eric Satie, Scott Joplin, folk traditional, piano improvisations.

*

Il racconto di Nell Kimball, che da sprovveduta ragazza di campagna diviene prima prostituta poi tenutaria di uno tra i bordelli più esclusivi ed eleganti di New Orleans, ci sprofonda nell’America notturna e fosforescente a cavallo tra Ottocento e Novecento, tra case di piacere, giochi d’azzardo e svaligiatori di banca, profumi d’oppio e musica jazz.

Tra le pagine della sua vita si respira il grande senso di avventura dell’epoca, selvaggia, precaria e imprevedibile, che ci riporta inevitabilmente all’incertezza dei nostri giorni.

 

Ne emerge il ritratto di una società spudorata, disposta a utilizzare ogni mezzo necessario per sopravvivere e allo stesso tempo affermare la propria vitalità.

Il duetto, partendo dall’esplorazione dei suoni lontani dell’infanzia della protagonista, avvolta da paesaggi brulli e soffocanti, percorre i ritmi moderni delle metropoli in costruzione di Sant Louis, Chicago, New York e lo sferragliare dei primi treni, attraversando le pulsazioni a luci rosse dell’incontro dei corpi.

Nessun uomo dimenticherà mai di essersi fatto sventagliare le palle da una farfalla nella mia casa dalla porta dorata” Nell Kimball

per informazioni:

Valentina Cardinali 3398769188 valecardi@gmail.com

Laura Riccioli 3287084661 ricciolilaura@gmail.com

Associazione Culturale Cambiapiano: info@cambiapiano.com

22 Dicembre A casa nel mito – Laboratori per famiglie

A casa nel mito

Laboratori per famiglie

Un luogo e un tempo dove bambini e adulti possano attraversare, grazie al gioco del teatro, immagini, simboli e valori della mitologia greca tenendosi per mano.

Prossimo incontro

sabato 22 dicembre

ore 11.15

Io credo questo: le fiabe sono vere”. Italo Calvino

Un ciclo di laboratori che ogni mese si avventureranno in miti diversi, dal mito di Eros a quello di Orfeo e Euridice, dal mito di Icaro a quello del Re Mida, tra fiori, frecce, scudi, semi, carri e sorgenti d’acqua che faremo nostri grazie alla suggestione di tecniche espressive rubate all’arte dell’improvvisazione, del teatro, delle arti pittoriche.

Quello di interrogarsi sulle proprie origini è uno dei primi bisogni dell’uomo. Da sempre la conoscenza del mito aiuta grandi e piccoli a capire che l’esigenza di cercare spiegazioni di aspetti misteriosi del mondo e della vita è qualcosa che accomuna tutti i popoli.

Il bambino, attraverso la scoperta delle sue origini culturali e la ricchezza di suggestioni che il mito offre, si arricchisce degli strumenti necessari per una più profonda coscienza del suo presente, impara a conoscersi, a interagire con gli altri e maturare il suo universo psicologico ed emotivo grazie all’universalità del linguaggio del mito e del teatro e naturalmente grazie all’attività di gruppo.

L’adulto sarà invece invitato a condividere con il bambino un tempo poetico, magico, lontano dalle incombenze di tutti i giorni, a cui poter tornare rivivificati dagli archetipi del mito, dalle risposte che essi sanno dare ai nostri quesiti più importanti, dal riscoprire modalità di gioco che possano nutrire la comunicazione tra grandi e piccoli anche in casa.

Insieme possiamo dunque imparare a conoscerci sotto altre vesti e ampliare il nostro immaginario.

La finalità del laboratorio non è il solo insegnamento delle singole tecniche artistiche, bensì la scoperta del senso del “fare” artistico, creando uno spazio dove vivere insieme con passione e creatività.

I laboratori si svolgeranno dalle ore 11.15 alle 12.45, un sabato al mese, nella sede dell’Associazione Cambiapiano in via Romanello Da Forlì, 40.

Costi: € 20 adulto + bambin@; + € 5 secondo adulto

Per info e prenotazioni: 347 1961002 – ricciolilaura@gmail.com

Laura Riccioli lavora come attrice, regista e autrice teatrale da circa 25 anni, ma da sempre l’amore per il disegno e la pittura si sono intrecciati con il suo percorso di attrice, spingendola a realizzare un vero e proprio doppio percorso. Spesso il suo lavoro di illustratrice ha incontrato e nutrito quello di attrice e viceversa. Oltre a recitare in diverse compagnie teatrali, per il cinema e la tv, ha pubblicato Spaghettis aux delices du désert per la casa editrice Kaleïdoscope, Lina e il canto del mare per la casa editrice Mesogea, Un filo di storie per Rapsodia edizioni e una serie di ritratti per la rivista Carta. Ha inoltre realizzato disegni animati per il teatro e insegnato in carcere pittura e teatro per otto anni, oltre che nelle scuole, nelle biblioteche e presso il presidio per migranti Baobab Experience.

Piantata in asso: monologo su Arianna

Progetto Anemofilia Teatro presenta
PIANTATA IN ASSO
Monologo sul mito di Arianna

Finalista del premio F.U.I.S. 2017 (Federazione Unitaria Italiana Scrittori)

Venerdì 9 marzo
alle 21.30
Ingresso 5 €

Il monologo è preceduto da una conferenza sui simboli di questo mito.

con Laura Giallombardo
testo di Silvia Pietrovanni
musiche di Daniele Fusacchia
eseguite da Luisa Pellegrini e Ernesto Ranfi

L’espressione “piantare in asso” nasce dall’abbandono di Arianna sull’isola di Nasso da parte di Teseo. Che cosa “pianta” Arianna a Nasso? Che cosa si accorge di aver abbandonato e che cosa si accorge di voler seminare? Il monologo segue i “fili” narrativi di Arianna, per ogni filo la protagonista tesse un racconto poetico.
Il monologo è preceduto da una breve conferenza sui significati e i simboli connessi al mito di Arianna, Teseo e il Minotauro.

Note di regia
Una luna: se la volti può diventare un monte, corna di toro, una barca, o una culla. Partire dalla luna per creare mondi: luna che cala dopo aver assaporato la pienezza dell’incontro, luna che risorge dopo aver incontrato la sua ombra. Fili: di discorsi, fili di trame che si annodano, si intrecciano, si spezzano; per ogni filo che viene dipanato una storia prende (l’)anima, i fili tirati creano un labor intus, un lavoro interiore che coinvolge anche lo spettatore e lo invita a guardarsi dentro. Un monologo pieno di voci: a rispondere ad Arianna tracce di suoni che si fanno musica, sospiro, lamento, estasi, nell’attesa di un nuovo inizio che sia ebbrezza, tumulto, menade, Dioniso.


Laura Giallombardo. Si avvicina alla recitazione attraverso un corso di teatro all’Università Paul Valery di Montpellier. Si diploma presso la scuola di recitazione Teatro Azione di Roma e continua la formazione frequentando laboratori diretti da Giancarlo Fares, Maria Smaevich e Nicolaj Karpov, Chiara Guidi, Fabiana Iacozzilli e Ramona Nardo, Yves Lebreton. Laureata in Scienze Politiche, si occupa di Progettazione nel settore artistico e culturale

Silvia Pietrovanni. Nel 2010 inizia a scrivere per il teatro e fonda il progetto “Anemofilia”. Il suo primo testo Bada-mi vince il Premio Borrello/Etica in atto nel 2010 ed è pubblicato nel 2013 dall’editore Progetto Cultura. Nel 2014 si classifica seconda al Premio di drammaturgia delle Biblioteche di Roma con il testo La vertigine e l’abisso della bellezza. A maggio 2014 il testo H2SO4:la vita che vuoi è la sola che avrai? viene premiato al Salone del Libro di Torino come testo vincitore del Premio InediTo 2014, e nel 2015 è premiato al Teatro Argentina come secondo classificato al premio Donne e Teatro. Nel 2015 il racconto Herbarie tratto dall’omonimo spettacolo teatrale vince la terza edizione del Premio “Streghe di Montecchio” ed è pubblicato dall’editore Fefè nel terzo volume di Streghe d’Italia. Il racconto Autodeterminare è finalista del premio “Scrivere donna 2015”ed è pubblicato dall’editore Neos. Nel 2017 il monologo Piantata in asso è finalista al premio Fuis (Federazione Unitaria Italiana Scrittori). Lavora come libraia e tiene corsi di erboristeria in Italia con il nome di fitocomplessa.

Luisa Pellegrini. Organettista e flautista nell’Orchestra Malancia e organettista del gruppo musicale Quinto Quarto Trio +, che esegue un repertorio di musiche d’ autore, composte da Daniele Fusacchia e arrangiate dal trio. Con il Trio ha collaborato, alla realizzazione di letture musicate e di spettacoli teatrali, con musiche originali dal vivo. Ha inoltre partecipato come organettista alla esecuzione della colonna sonora degli Epsilon Indi del film “Per amor vostro” di Giuseppe Guadino.

Ernesto Ranfi. Suona nel Quinto Quarto trio+ e nell’Orchestra Malancia, insieme hanno di recente suonato per il gruppo Epsilon Indi nella colonna sonora del film” Per amor vostro”, del regista Giuseppe Gaudino, il Quinto Quarto trio ha come repertorio le musiche del co-fondatore del gruppo stesso, Daniele Fusacchia. Fa inoltre parte del trio jazz Snap no sax che ha un repertorio di musiche originali.

Hanno collaborato al progetto Sarah Paroletti per le coreografie, Giulia Vannicola per la scenografia.

Concerto Jazz Duo Cisilino-Devittor

Duo Jazz Cisilino-Devittor

Domenica 18 Febbraio ore 19,30

 

Mirko Cisilino

 

Mirko Cisilino comincia lo studio della tromba a 11 anni sotto la guida del maestro Fabrizio Fontanot. Presso il Conservatorio ‘Tomadini’ di Udine studia quattro anni tromba classica con il prof. Marco Tampieri e un anno Orchestrazione e Direzione per Orchestra a Fiati con il prof. Lorenzo DallaFonte; un anno presso il Conservatorio di Klagenfurt – sezione Jazz – con il prof. Lee Harper e 5 mesi presso il Conservatorium van Amsterdam, Olanda – sezione Jazz. In questi anni ha collaborato con i principali musicisti e Big Band in regione quali, l’Orchestra Jazz Citta’ di Udine diretta da Nevio Zaninotto, l’Orchestra Jazz del Friuli Venezia Giulia diretta da Glauco Venier (con il quale registra nel 2005 un album tributo a Frank Zappa) e l’Abbey Town Jazz Orchestra, con la quale lavora in qualita’ di arrangiatore, direttore e trombettista. Ha seguito i seminari di Justin DiCioccio, John Riley, Andy McKee, Kenny Wheeler, Keith Tippett. Ha partecipato ai seguinti festival: Roskilde Festival (Denmark), Jerusalem Jazz Festival, VenetoJazz, AtinaJazz, ‘Musiche sulle Bocche’ Jazz Festival, PadovaJazz, ‘Autumn Notes’, Udin&Jazz, JEFF di Koper, Vicenza Jazz, Secret Garden Festival, Summer Jamboree di Senigallia, MasFest di Avellino, Suoni di Marca di Treviso, Sexto ‘Nplugged e Sesto Vintage di Sesto al Reghena, Sherwood Festival di Padova, Eremo Festival di Molfetta, A Night Like This Festival di Torino, Curtarock di Padova, Festa della Musica di Chianciano Terme, Mei Festival di Faenza e molti altri.

Ha accompagnato per diverse stagioni, membro dell’International Gang di Tomi Purich, la cantante americana Gwen Hughes nelle sue tournee in Slovenia. Ha fatto parte dei Fearless Five di U.T.Gandhi, con il quale registrato nel 2008 l’album ‘Travelers’. Nel 2010 vive alcuni mesi a Londra dove entra a far parte dei Seeds of Creation di Seddik Zebiri con i quali registra l’album ‘Hackney Vibes’. Prende parte allo spettacolo teatrale ‘Friuli e Altrove’ (regia di Andrea Collavino – produzione Teatro Nuovo Giovanni da Udine) su testi di Cappello, Vallerugo e Zanier. Nel 2012 comincia la collaborazione con l’attrice Aida Talliente con la quale mette in scena ‘Miniere’, spettacolo di teatro civile, sull’occupazione della miniera di Cave del Predil, in Friuli, avvenuta nel 1991. Membro del ‘Collective White’ con il quale vince il primo premio al ‘I Concorso Internazionale di Jazz del Conservatorio Santa Cecilia di Roma’. Insieme agli Zurbaran (Davide Angelica alla chitarra, Christian Pepe al contrabbasso e Simone Sferruzza alla batteria) nell’aprile del 2014 vince il primo premio al concorso per giovani band emergenti ‘Chicco Bettinardi’ di Piacenza. Fa parte del’EXP Quartet insieme a Clarissa Durizzotto al clarinetto, Giovanni Maier al violoncello e contrabbasso e a Marco D’orlando alla batteria, con i quali pubblica per la Palomar nel 2014 il live del concerto fatto nello stesso anno alla rassagna ‘SanVito Jazz’. Ad ora la sua attenzione va principalmente al Malkuth 5et (con F.Orefice al tenore, F.Vignato al trombone, M.Magatelli al contrabbasso, A.Mansutti alla batteria) con il quale nel dicembre del 2013 fa una tournee di dieci concerti in Russia (Mosca, Rostov-na-donu, Krasnodar) e partecipando a diversi festival tra cui quest’anno Udin&Jazz e Tarcento Jazz. Nel 2016 esce il loro primo album ‘Malkuth’ pubblicato dall’etichetta ‘Rudyrecords’. Fa parte, in qualita’ di tastierista e trombonista, del Parco Lambro, gruppo progressive/noise/psicadelico, con i quali ha gia’ partecipato al Freedom Rally Festival di Osoppo e al Pietra Sonica Stoner Festival. Membro dal 2015 dei C’mon Tigre, gruppo Afro/Electro/Jazz di base Bologna, con cui ha battuto palchi in festival di tutta Italia, nonché il Nantes Jazz Festival, LeMans Rock Festival e il Roskilde Pop Rock Festival. Dal 2016 fa parte del trio di Doug Hammond (Charles Mingus, Nina Simone) insieme al bassista sloveno Nikola Matosic; nello stesso anno nascono i Maistah Aphrica, gruppo di matrice afrobeat di base a Trieste, di cui fa parte come trombonista.

 

Federico De Vittor   piano          

nato a Verona il 23/06/86, inizio gli studi di pianoforte classico all’età di 5 anni con l’insegnante Cristina Rigoni. A 11 anni mi appassiono al sax contralto e al jazz e prendo lezioni dal maestro Orazietti a Verona, ma capisco che la mia strada si dirige verso il pianoforte.
Nell’estate del 2000 mi dedico con intensità allo studio del piano jazz con Oscar Zenari, nelle primavere del 2001 e del 2002 partecipo al Workshop di Barry Harris a Verona, nel contempo continuo a studiare musica classica col maestro Stefano Melleri.
Nel 2003 e 2004 inizio a studiare con Renato Chicco, attuale insegnante di improvvisazione all’Università di Graz.
Non posso tralasciare di parlare dell’incontro fondamentale che ho avuto, nell’estate 2003, con il batterista australiano Scott Lambie che, oltre ad avermi iniziato alla profonda conoscenza della ritmica, è divenuto anche amico di vita e perfetto insegnante di lingua inglese.
Nel giugno 2004 sostengo l’ammissione all’Universität fur Musik und Darstellende Kunst di Graz (Austria) dove sto attualmente studiando con Harald Neuwirth e Fritz Power e Renato Chicco.
Nell’ottobre 2004 partecipo al Workshop di Leibnitz con Dick Oatts (sax), Ron Mc Clure (contrabbasso), John Raily (batteria), Jarmo Savolainen (piano).
Nel corso del 2005 incido alcune mie composizioni con la partecipazione del batterista austriaco Klemenz Marktl e il bassista Michael Ringer.
Nell’estate 2005 partecipo ai seminari di Roccella Jonica con Enrico Pierannuzzi e Danilo Rea.
Il 24 giugno 2006 partecipo, con il BAOBAB ENSEMBLE come gruppo emergente, a VERONA JAZZ 2006 suonando al Teatro Romano nella serata inaugurale.
Attualmente l’obbiettivo è portare a termine il percorso di studio per poi spostarmi in una grande capitale (Parigi? New York?).

Bianchetto – ovvero il misterioso viaggio verso la Vita

Domenica 17 Dicembre 2017 ore 16.00

PRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO + PRESENTAZIONE LIBRO

INGRESSO EURO 5

Daria di Bernardo, autrice del libro “Bianchetto ovvero il misterioso viaggio verso la Vita”, accompagnata dall’attrice  Marianna Manca e dai protagonisti Bianchetto e Sirena, presenti in scena, racconta la storia di Bianchetto, un “vermicello bianco” o “magnifico nuotatore” che, affidandosi al suo talento, all’amore e all’amicizia, riuscirà ad attraversare mondi a lui sconosciuti e a scoprire il mistero dei misteri: la Vita!
A seguire la presentazione del libro con le autrici Daria di Bernardo (storia)  e  Adriana Farina (disegni) in cui sarà possibile fare domande, togliersi tutte le curiosità e personalizzare la propria copia del libro con una bella dedica e un disegno fatto sul momento!

 DUE PAROLE SUL LIBRO

“Bianchetto ovvero il misterioso viaggio verso la Vita” è una favola che racconta di come la Vita si forma, si trasforma, prende corpo e nasce.
La fiaba di Bianchetto restituisce magia e meraviglia al mistero, antico come il mondo, che è la Vita che prende vita, uscendo da un paradigma puramente scientifico di spiegazione tecnica e attribuendo poesia alla domanda su di sé e sulla propria origine che a un certo punto della loro crescita ci rivolgono i bambini: “Mamma, ma come nascono i bambini? Mamma, ma io ero nella tua pancia?”
Un libro che accompagna i genitori nel difficile compito di rispondere alla domanda con la delicatezza di rimanere un racconto fantastico e un appoggio, senza svelare nulla che i genitori non vogliano dichiarare.

SELEN GÜLÜN – Piano solo

DOMENICA 29 Ottobre alle 19.00

SELEN GÜLÜN

Una tra le  piu’ importanti musiciste contemporanee in Turchia, Selen Gülün si distingue  come compositore, pianista, cantante, arrangiatore . Ha ottenuto il plauso della critica internazionale con la sua musica eseguita in tutto il mondo in Austria, Germania, Olanda, Regno Unito, Svezia, Danimarca, Italia, Francia, USA, Brasile, Giappone, Cambogia, Pakistan, Lituania, Russia, Mozambico, Australia e Turchia. Gülün ha pubblicato sei album: Just About Jazz Live (recjazz, 2005), Selen Gülün Trio Sürprizler (recjazz, 2006), Selen Gülün by Selen Gülün (re:konstruKt, 2009), Answers (pozitif, 2010), Başka (linrecords,2013), The Women’s Matinee (A.K. Muzik, 2017). Answers ha raggiunto il # 6 e Başka ha raggiunto il 4 # nella Tabella Jazz Tokyo settimanale. Le sue composizioni sono state eseguite  in prima assoluta da Dartford Symphony Orchestra , dal Vellinger String Quartet (Regno Unito), Ensemble TRIS (Austria), sa.ne.na Percussion Ensemble,e dal  Istanbul Modern Music Ensemble (Turchia). Risiede  a Tokyo e si esibisce con i più’ importanti musicisti giapponesi tra cui:  Issei Igarashi Issei Igarashi, Keisuke Ohta, Jun Kawasaki, Yoshihito “P” Koizumi, Ryo Shibata, Aki Ozawa, Noriaki Hosoya, and Akira Nakamura. Ha ricevuto numerosi premi, tra cui Charles Mingus Composition Award 1998, British Council Visiting Arts: Creative Collaboration in Music 2003, Fondazione Donna Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica’s Artist in Residence Award 2011. Ha studiato musica presso l’Università di Istanbul e le Mimar Sinan University Conservatori e si è laureato da Business Administration Dipartimento di Istanbul University. Ha ricevuto la sua B.A. in Jazz Composition summa cum laude dal Berklee College of Music di Boston (1998) e Master in Musica dal Center of Advanced Studies in Music (MIAM) di Istanbul Technical University. 

 

(MIAM) di Istanbul Technical University. 
1 2